Zuppa del Contadino in barattolo

5,50 Iva inclusa

Zuppa del Contadino in barattolo di vetro da 500g. – idea regalo

La zuppa del contadino necessita di ammollo di almeno 12 ore, ma è la più ricca di tutte. E’ il giusto delle ricette antiche e dei piatti preparati con amore. Aggiungendo verdure a piacere diventa un piatto unico.

Ingredienti: ceci, cicerchie, fave spezzate, lenticchie decorticate, piselli spezzati, lenticchie grandi, fagioli rossi, borlotti, cannellini,

Preparazione: Sciacquare abbondantemente, lasciare in ammollo per 12 ore. Cuocere per almeno 50 minuti (o 25 in pentola a pressione), in abbondante acqua, con un cucchiaino di brodo ranulare vegetale e 4 o 5 foglie di alloro. Aggiungere un filo d’olio evo a crudo e una spolverata di pepe.

Categorie: , ,

Descrizione

Zuppa del Contadino in barattolo di vetro da 500g. – idea regalo

Sei alla ricerca di un regalo originale e utile? Scegliere una ricetta in barattolo è il modo migliore per stupire e allo stesso tempo fare un regalo buonissimo! Sono facili da preparare, ogni barattolo ha un’etichetta con il suggerimento della ricetta e i tempi di cottura.

Le ricette in barattolo sono senza plastica, si conservano a lungo in dispensa, grazie al vetro e sono bellissime nella loro semplicità perché giocano con i colori dei legumi, portando immediatamente allegria a chi le riceve!

La Zuppa del Contadino

La zuppa del contadino necessita di ammollo di almeno 12 ore, ma è la più ricca di tutte. E’ il giusto delle ricette antiche e dei piatti preparati con amore. Aggiungendo verdure a piacere diventa un piatto unico.

Ingredienti: ceci, cicerchie, fave spezzate, lenticchie decorticate, piselli spezzati, lenticchie grandi, fagioli rossi, borlotti, cannellini,

Preparazione: Sciacquare abbondantemente, lasciare in ammollo per 12 ore. Cuocere per almeno 50 minuti (o 25 in pentola a pressione), in abbondante acqua, con un cucchiaino di brodo ranulare vegetale e 4 o 5 foglie di alloro. Aggiungere un filo d’olio evo a crudo e una spolverata di pepe.

I legumi secchi: ammollo sì o no?

Ovviamente il modo migliore per consumare i legumi è il prodotto fresco. Purtroppo questo non è sempre facilmente reperibile e soprattutto non è sempre di stagione, quindi scegliere i legumi secchi è un’alternativa comoda, disponibile tutto l’anno e che mantiene pressoché inalterati la maggior parte dei nutrienti. Spesso però si preferisce comprare la scatoletta o la lattina dei legumi già pronti al supermercato, pensando di fare più in fretta. In realtà i legumi già pronti non si conservano altrettanto bene, contengono conservanti e non è sempre vero che sono più facili da preparare!

Non tutti i legumi secchi infatti hanno bisogno di ammollo: come riconoscerli?

I legumi decorticati o spezzati (fave, piselli, lenticchie…) sono già stati privati della buccia esteriore e per questo, oltre che essere veloci da preparare, sono anche altamente digeribili, adatti anche ai bambini più piccoli in fase di svezzamento. Le lenticchie non decorticate e i fagioli dell’occhio sono comunque molto morbidi come legumi e quindi possono essere cotti direttamente, senza necessariamente un lungo ammollo (se preferite procedere comunque all’ammollo sarà sufficiente una mezz’oretta o un’oretta prima della cottura).

Per tutti gli altri legumi invece è importante lasciarli in ammollo almeno una notte prima di cuocerli, per assicurarsi un piatto morbido, digeribile e della giusta consistenza. Certo è un prodotto che richiede un minimo di programmazione e dedizione… come ogni cosa buona!

Una dieta ricca di legumi

Un’alimentazione a base di legumi secchi, fonte naturale di proteineferro e sali minerali, è salutare non solo per chi predilige una dieta vegetariana, ma per tutti coloro che scelgono di mettere al centro la salute.

Mangiare con regolarità i legumi è importantissimo, perché sono poveri di grassi ma ricchi di fibre, che contribuiscono a dare il senso di sazietà. Aiutano il transito intestinale e sono fonte di vitamine e minerali. Il consumo consigliato è di almeno 2-3 volte a settimana.

Ecco alcuni consigli per iniziare ad introdurre più legumi nella vostra dieta se non siete ancora abituati a farlo:
  • se il vostro intestino non è ancora abituato ad un’alimentazione a base di legumi, per ridurre la sensazione di gonfiore scegliete inizialmente quelli decorticati o spezzati e cuoceteli insieme a erbe aromatiche come l’alloro o l’alga kombu che ne riducono la fermentazione;
  • se avete poco tempo a disposizione per la cottura, optate per una pentola a pressione, perché ridurrà i tempi di preparazione della metà;
  • non usate il bicarbonato durante l’ammollo (perché altera alcune proprietà nutrizionali e perché fa togliere la buccia), potete invece aggiungere del sale grosso;
  • preparateli insieme ai cereali: è il modo migliore per assorbirne tutto il potenziale nutritivo!